Nikon D800 prime impressioni

Collapse Show info

05 Mag 2013 in Blog

Author : Vincenzo Bernardi

Tags: , , , , , ,

Finalmente la famigerata Nikon D800 è nelle mie mani. Un particolare feeling mi ha accompagnato fin dai primi scatti; ergonomia, pulsanti, tutto sembra essere collocato proprio dove lo vorresti. Le immagini che produce sono sensazionali, la gamma dinamica è impressionante, per non parlare delle prestazioni nel campo video, insomma una macchina quasi perfetta. Certo qualche piccolo difettuccio l’ho trovato, ma che volete, nessuno è perfetto.


Come vi dicevo, una delle cose che più mi ha impressionato è l’ergonomia della macchina, sembra essere stata costruita attorno alla mia mano e la disposizione dei pulsanti è assolutamente funzionale ( a parte per  il pulsante della regolazione ISO) tanto da farmi sentire a mio agio fin da subito, anche se ero abituato ad un altro corpo macchina.

Comunque non voglio scrivere una recensione sulla D800, anche perché ormai potete trovarne a decine sulla rete, ma mi soffermerò solo su quei piccoli “difettucci” che ho riscontrato in queste settimane di utilizzo spasmodico (quasi 6000 scatti e diverse ore di video in un mese).

Per prima cosa, ho installato l’ultima versione del firmware (A 1.01, B 1.02) che ha corretto alcuni fastidiosi bug presenti. La procedura di installazione è molto semplice e spiegata passo passo sul sito Nikon per entrambi i sistemi operativi (Mac – Win).

La bassa velocità di scatto in raffica, è il primo dei problemi con cui si deve combattere. I 4 FPS in modalità FX – 6 FPS in modalità DX e il peso di ogni singolo file RAW (oltre 40 MB) rallentano notevolmente le prestazioni velocistiche della D800, e per non rimanere a corto di carburante bisogna investire qualche soldino nell’acquisto di schede di memoria molto performanti. Io personalmente ho acquistato una CF da 32 GB della SanDisk serie Extreme Pro ed una SD sempre da 32GB della Lexar serie Professional, con un totale di 64 GB ed una capacità di riempimento del buffer dopo circa 20 scatti continui a 4fps, e comunque la capacità di liberare completamente il buffer dopo circa 6 sec.

Parlando di file RAW, il peso di ogni singola immagine non è una cosa da poco conto; ciò comporta una serie di precauzioni: Schede di memoria più capienti, incremento di TB di archiviazione, e non ultimo Computer più potenti. Basti pensare che il mio portatile, su cui lavoravo i NEF della D90 con tutta tranquillità, ha puntato i piedi quando ha visto la prima foto marchiata D800; certo sul nuovo Imac fila tutto liscio, ma l’elaborazione di RAW così pesanti non è una cosa banale ed avrei preferito la possibilità di poter registrare uno “Smal RAW” (vedi Canon), molto utile un alcune situazioni come le sessioni di TimeLapse, dove partono migliaia di foto e di conseguenza centinaia di GB.

Chiaramente un sensore da 36Mpx presenta diversi benefici, come la possibilità di eseguire dei crop anche considerevoli, mantenendo una risoluzione finale alta o quantomeno accettabile, ma anche qualche inconveniente come Il rumore digitale agli alti ISO (che comunque è tenuto a bada dallo splendido lavoro fatto dagli ingegneri Nikon, permettendo di ottenere ottimi risultati anche a valori di 3200-6400, e per chi proviene come me da una macchina di livello inferiore, è un guadagno considerevole) o l’alto livello di dettaglio che per quanto possa essere considerato un pregio, vincola l’utilizzo ad ottiche di alto livello. Personalmente ho provato la D800 con il mio parco ottiche e devo dire che la differenza si nota eccome, e anche una lente come il Sigma 8-16 che sulla D90 mi sembrava ottima in termini di nitidezza, sulla sorella maggiore, (la quale permette di scattare anche con ottiche DX, lenti progettate per sensori APSC, croppando automaticamente il sensore) perde un po del suo fascino, soprattutto ai bordi dell’immagine. Messa a fuoco certosina e mano ferma (ingessata) diventano requisiti fondamentali per  evitare il fastidio del micromosso.

Un altro aspetto con cui non riesco ancora a familiarizzare è la disposizione del pulsate regolazione ISO, che per chi ha  mani piuttosto piccole, risulta un po scomodo da azionare. Sinceramente avrei preferito in una posizione più bassa (vedi foto), ma rimane una considerazione personale, e spero che con il tempo l’azionamento possa diventare più immediato.

 Schermata 2014-01-16 alle 20.06.56
 

Ho utilizzato la D800 per la realizzazione di un video in TimeLapse, scattando oltre 6000 scatti, impiegando sia ottiche FX che DX, ed ho notato che scattando con queste ultime, in qualche foto la macchina non registra correttamente i metadati relativi all’obiettivo. Infatti analizzando sul computer le foto, apparivano dei valori assurdi sia nel campo dei diaframmi, che su quello dell’ottica (il Sigma 8-16mm lo riconosceva come un 8000mm), inoltre registrava le foto in formato FX, quasi come se perdesse per un attimo la memoria. È successo in tutto su 6 foto delle 6000 scattate, ma non sono riuscito a capirne il motivo, anche perché scattando normalmente (senza il temporizzatore) questo problema non mi era mai successo e tuttora sto cercando di capire se è un difetto  della mia D800 o se è un problema già noto. Purtroppo sul web non sono ancora riuscito a trovare una spiegazione o qualche riscontro con altri possessori. Chiaramente il problema è facilmente aggirabile in fase di post-produzione, croppando la foto da FX in DX manualmente, ma continuerò ad effettuare prove per verificare che magari non sia proprio un difetto di fabbrica della mia macchina.

Infine, consiglio vivamente l’acquisto della seconda (o più) batteria, in quanto la D800 è avida di energia. L’autonomia è di circa 800 scatti, (senza trafficare troppo con LiveView) un po pochini, sopratutto se si ruota il selettore in modalità video dove l’autonomia passa ad una cinquantina di minuti. Non penso che comprerò il Battery Grip, non soltanto per il prezzo (300€ circa), ma sopratutto per non alterare l’ergonomia della macchina che è perfetta ed essenziale.

Bene, la lista per me termina qui, in realtà non ho trattato appositamente la parte video perché sarà oggetto di un’altro articolo; comunque se pensate di poter convivere con quanto detto sopra, la D800 vi regalerà tante soddisfazioni e nuove frontiere per sviluppare la vostra creatività.

 _DSC0151-Modifica

Nikon D800, Nikkor 24-70 f 2.8, 1,6 sec. f/8, ISO 100, filtro ND, treppiedi.


_DSC5650

Nikon D800, Nikkor 24-70 f 2.8, 1/250 f/4, ISO 100, mano libera.

 

 

 

 

Sorry, the comment form is closed at this time.

HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com